iBLOG

TUTORIAL & GUIDE

Cinque consigli per gestire al meglio le finanze del tuo progetto musicale

Esperto di comunicazione digital e fondatore dell’etichetta ReddArmy, Fulvio Romanin è sicuramente una delle persone più indicate per un consiglio su come trasformare la propria passione in un lavoro in maniera sostenibile.

Ha da poco pubblicato il libro "L'IVA funesta. Come aprire una partita IVA e sopravvivere per raccontarlo", gli abbiamo chiesto le cinque regole che ogni band dovrebbe seguire se ci tiene ai propri risparmi.


I sogni son belli di notte ma di giorno ho fame” cantavano i Sangue Misto un ventennio fa: e per noi che siamo stati - che ci piaccia o meno - “rapiti” dalla musica, spesso questi sogni si tramutano in incubi con la colonna sonora di uno stomaco vuoto. Quindi:

  1. Se dovete fare i musicisti, FATE I MUSICISTI. Anche se la musica non è solo per i ventenni, più crescerete meno avrete voglia di saltare i pasti per amore dell’arte. Meglio provarci subito, quindi, e con tutte le vostre forze, magari dandovi un tempo. Se pensate di fare il panettiere-musicista, nell’Italia del “sta bene guadagnare mille euro al mese o nonna si lagna” finirete per essere più il primo del secondo.

  2. Fatevi pagare: l’arte vi costa impegno e sacrificio, e “visibilità” è una parola acchiappacitrulli che da sola non riempie il frigo. Il vostro tempo non è infinito, usatelo al meglio per cose realmente utili.

  3. Se dovete farvi pagare, datevi una forma fiscale: che sia partita IVA se siete soli (o con soci che si fidano davvero molto di voi), associazione culturale, cooperativa o SAS lo sapete voi a seconda della vostra natura (indizio: meglio di voi lo sa un commercialista) eti pago in nero aumma aumma” non è un lavoro, è l’ennesima furbata per farsi fregare il futuro. I Radiohead fondano cinque società ad ogni disco: a voi magari non serve tanto, ma qualcosa di fronte al quale esigere a pieno diritto i pagamenti e scalare le tasse è fondamentale.

  4. Non fate tutto da soli: voi dovete fare i musicisti tanto bene da trovare gente in gamba che lavori per voi: un commercialista, un legale, un editore (che sarà felice di cercare di farvi vendere tanto) ed un manager. Più tempo farete altro, meno ne avrete per la musica.

  5. Specie agli inizi, chiamate ogni "cinquantello" per nome: la bontà della vostra musica dipenderà anche da quanto terrete in ordine i conti. Per poter fare a lungo Sid Vicious la notte è bene essere Mario Draghi di giorno.

Iscriviti alla Newsletter

© 2019 iCompany srl - P.IVA 13084581001. All Rights Reserved.Designed by ServiziMedia

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Continuando la navigazione sul sito, si acconsente all'utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Chiudi