iBLOG

LE STORIE

Ucronie musicali: quando Battisti arrivò primo in America

Ucronie musicali: Quando Battisti arrivò primo in America - le storie - iBLOG

Nel 1977 dopo l'uscita di “Io tu noi tutti”, ovviamente primo in classifica e secondo disco più venduto dell'anno, Lucio Battisti è ancora una volta il cantante di riferimento del mercato italiano: il più bravo, il più innovativo, il più internazionale almeno per quello che riguardava il sound (l'album non a caso era stato registrato in America).

Lucio Battisti era infatti sicuramente il più alla “moda” per quello che concerneva la canzone d'autore italiana: grazie al sodalizio artistico con Mogol, che l'aveva proiettato ai vertici del panorama nazionale, l'unica cosa che rimaneva da fare era provare il mercato internazionale. In fondo pochi anni prima i gruppi del progressive rock, soprattutto la PFM, erano riusciti ad emergere nel complesso mondo anglofono, con discreti risultati. Perché non Battisti?

È per questo che la RCA decise di investire e di lanciare il Lucio nazionale nel mercato americano: l'operazione consisteva nell'adattare e tradurre i brani del suo ultimo disco, come “Amarsi un po'” e “Sì, viaggiare”, a cui si sarebbero aggiunte due rivisitazioni di classici come “Il mio canto libero” e “La canzone del sole”.
In un primo momento i testi erano stati affidati a Marva Jan Marrow, fino a quando Mogol insistette affinché venissero resi più simili alla versione letterale, e finirono nella mani di Peter Powell.

Poi, chissà come mai, lo stesso Mogol si rese conto della difficoltà di adattamento del testo nella così differente lingua inglese e decise con grande umiltà di “mollare” la presa, accettando, forse non di buon grado ma senza rimostranze, una terza traduzione capace di fungere da raccordo fra la versione italiana e una lingua più vicina ai gusti americani del 1977.

D'altro canto lo stesso Lucio in vista di questo passo così importante si era messo sotto esercitandosi nella lingua, studiando la pronuncia correttamente e impegnandosi a capire a fondo le nuove parole in modo da poterle cantare in maniera più viscerale e profonda.

Fu così che quando uscì “Images”, questo il nome del disco, per il mercato americano, le aspettative c'erano, ma erano discrete.

Il risultato fu sorprendente per tutti. Infatti nel giro di qualche settimana il disco entrò nell'heavy rotation americana, schizzando in cima alle classifiche e rimanendoci per diverse settimane, con il picco di un secondo posto per “To feel in love”, adattamento di “Amarsi un po'”. Dopo l'exploit di Modugno di vent'anni prima, questo era il secondo e più definitivo riconoscimento della musica italiana nel mercato americano: il suo rappresentante più identificativo ne aveva infatti raggiunto la cima, anche se questa volta adattando una canzone e il suo stile alle regole di un mercato straniero.

La reazione in madrepatria fu incredibile: le notizie che arrivavano erano ovviamente fuori da ogni controllo. E quando arrivò la proposta per organizzare un tour americano, Lucio, che storicamente era restio a esibirsi, dovette accettare. Anche perché certi treni passano una volta soltanto. Ovviamente il pubblico americano, che in quelle settimane aveva imparato a conoscere e amare Battisti, era lì solo per i brani in lingua inglese di “Images”, ignari perlopiù dell'enorme quantità di classici prodotta dal duo negli anni precedenti. Fu comunque il primo passo per far capire che Lucio doveva andare oltre e staccarsi dalla natìa lingua italiana.

Fu così che nel giro di pochi mesi venne organizzato e registrato il secondo disco in lingua inglese, “Friends”, anche questo un miscuglio di nuove canzoni di un disco che sarebbe dovuto uscire in Italia e si sarebbe dovuto chiamare – a quanto raccontò in seguito Mogol – “Una  donna per amico” (si trovano online oggi alcune demo delle canzoni in italiano, mai pubblicate), e altri brani ormai classici del suo repertorio. Sulla scia del successo precedente, “Friends” arrivo primo in classifica, portando due singoli nella Top ten, con “Baby it's you” che arrivò al terzo posto, e “I think of you” che rimase saldamente in classifica per diverse settimane come il singolo più venduto in America.

Ormai la consacrazione di Battisti su suolo americano era definitiva. Fu proprio alla fine degli anni '70 che David Bowie, storicamente fan dell'attività di Battisti, si propose di realizzare un album insieme al cantautore come produttore artistico (era infatti di qualche anno prima la sua produzione e traduzione di “Io vorrei non vorrei ma se vuoi” per l'amico chitarrista Mick Ronson). Il terzo disco in lingua inglese di Battisti, “Gray days”, con la produzione di David Bowie, non raggiunse l'incredibile successo di “Friends”, ma si confermò come uno dei dischi più venduti dell'anno. Facilitato anche dal suo trasferimento a Los Angeles, Lucio Battisti perse via via il contatto con la canzone e con il pubblico italiano: forse per questa lontananza o per un naturale bisogno di andare avanti, concluse la propria storica collaborazione ed amicizia con il paroliere Mogol, a cui furono preferiti, in questa fase, i testi di Bowie. Lo stesso Lou Reed, che orbitava nei pressi in cerca dell'amico inglese, si dimostrò interessato a collaborare (anche lui storico fan del lavoro di Battisti): il loro duetto su “Enslaved lovers” è ancora oggi un piccolo miracolo della musica.

L'Italia, invece, di colpo si era ritrovata orfana del suo più grande cantante e autore: ora finalmente libero dalle pressioni nazionali, Lucio infatti entrava nel jet-set americano in punta di piedi e senza fare rumore, evitando accuratamente gli scandali e le luci della ribalta ma mantenendosi presente ed attivo nella scena, grazie a costanti tour negli States. Quando nel 1982 per promuovere il suo quarto album in lingua inglese “And now” fu organizzato un tour mondiale, il suo ritorno in patria non fu dei più semplici.

Se infatti Battisti tornava come la grande star internazionale che era diventato nel frattempo, non ebbe alcun occhio di riguardo nei confronti del suo Paese natale e non cambiò assolutamente la propria scaletta, dedicata esclusivamente ai lavori più recenti in inglese e senza nessuno spazio per i grandi classici degli anni 70 in lingua italiana.

Se comunque il pubblico italiano, quello più giovane, lo aveva capito, seguito e forse anche scoperto così, quello più adulto cresciuto con le sue canzoni si sentì tradito: per questo i suoi concerti italiani furono subissati da fischi, col pubblico che iniziò a pretendere i brani più vecchi al posto di quelli recenti, costringendo poi i promoter a bloccare la tournée dopo solo tre date.

Fu l'ultima volta che Battisti si concesse per l'Italia, probabilmente ferito e amareggiato per quella reazione che considerava ingiustificabile e ingrata. Tornato in America, continuò la sua carriera in una via sempre più sperimentale e attenta alle nuove sonorità elettroniche, andando a ricercare una musica personale, sempre più lontana dalle sue origini italiche e dalla tradizionale forma canzone.
Nondimeno grazie all'incredibile successo di “Images” prima e “Friends” poi, tutto il mercato italiano ne risentì ovviamente in meglio, con una grande attenzione nei confronti dei nostri autori e cantautori principali. Se però un De André, che venne contattato dalla Warner, non riuscì a trovare un accordo per realizzare un disco in lingua straniera (si dice che non volle “liquidare al soldo delle multinazionali l'ultima forma espressiva libera, la poesia”), il disco di Dalla e De Gregori “Banana Republic” fu un piccolo successo riuscendo a entrare nella Top 30 americana, il che permise loro di aggiungere due date negli States al loro leggendario Tour del 1980. Così ancora oggi possiamo vedere sul suolo americano dei piccoli emuli del nostro grande Lucio Battisti, che cresciuti negli anni '80 hanno assorbito la italodisco e le influenze elettroniche del cantante di Poggio Bustone, e anche quella sua vena italiana che niente e nessuno poteva strappargli via, regalando al Mondo quel briciolo di internazionalità che la musica italiana ha sempre provato a ottenere e non è più riuscita ad avere, se non tramite parodie del Belcanto o cliché triti e ritriti.

Così, grazie a quel primo disco, in inglese, “Images”, il Mondo si accorse della grandezza di Lucio Battisti come autore e come cantante, rendendo la musica italiana appetibile per il grande pubblico internazionale, non rendendoci più lontana provincia, in disperata ricerca di attenzioni.

 

© 2018 iCompany srl - P.IVA 13084581001. All Rights Reserved.Designed by ServiziMedia

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Continuando la navigazione sul sito, si acconsente all'utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Chiudi

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

 

Cookie tecnici e di statistica aggregata

Attività strettamente necessarie al funzionamento

Questo Sito utilizza Cookie per salvare la sessione dell'Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico.

Attività di salvataggio delle preferenze, ottimizzazione e statistica

Questo Sito utilizza Cookie per salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'Utente. Fra questi Cookie rientrano, ad esempio, quelli per impostare la lingua e la valuta o per la gestione di statistiche da parte del Titolare del sito.

 

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito raccolgono statistiche in forma aggregata e potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal Titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.

Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

Interazione con social network e piattaforme esterne

Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questo Sito.
Le interazioni e le informazioni acquisite da questo Sito sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network.
Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

Pulsante LinkedIn e widget sociali di LinkedIn

Il pulsante LinkedIn e i widget sociali di LinkedIn sono servizi di interazione con il social network LinkedIn, forniti da LinkedIn Corp.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

Statistica

I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell’Utente.

Google Analytics (Google Inc.)

Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo di questo Sito, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google.
Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy PolicyOpt Out

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Questi servizi permettono di visualizzare contenuti ospitati su piattaforme esterne direttamente dalle pagine di questo Sito e di interagire con essi.
Nel caso in cui sia installato un servizio di questo tipo, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Google Fonts (Google Inc.)

Google Fonts è un servizio di visualizzazione di stili di carattere gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Dati di utilizzo e Varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

Widget Google Maps (Google Inc.)

Google Maps è un servizio di visualizzazione di mappe gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

Widget Instagram (Instagram, Inc.)

Instagram è un servizio di visualizzazione di immagini gestito da Instagram, Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy

 

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. L'Utente può trovare informazioni su come gestire i Cookie nel suo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer.

In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.

Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

 

Titolare del Trattamento dei Dati

iCompany srl - viale Giuseppe Mazzini, 123 - 00195 - Roma (Italia)
info@icompany.it

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo Sito non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.

 

Definizioni e riferimenti legali

Dati Personali (o Dati)

Costituisce dato personale qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.

Dati di Utilizzo

Sono le informazioni raccolti in maniera automatica di questo Sito (o dalle applicazioni di parti terze che questo Sito utilizza), tra le quali: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall’Utente che si connette con questo Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il Paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno del Sito, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’Utente.

Utente

L'individuo che utilizza questo Sito, che deve coincidere con l'Interessato o essere da questo autorizzato ed i cui Dati Personali sono oggetto del trattamento.

Interessato

La persona fisica o giuridica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal Titolare al trattamento dei Dati Personali, secondo quanto predisposto dalla presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali ed agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza, in relazione al funzionamento e alla fruizione di questo Sito. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il proprietario di questo Sito.

Questo Sito

Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti i Dati Personali degli Utenti.

Cookie

Piccola porzione di dati conservata all'interno del dispositivo dell'Utente.

Email

Fornisce accesso all'indirizzo email primario dell'Utente


Riferimenti legali

Avviso agli Utenti europei: la presente informativa cookie è redatta ai sensi dell'Art. 13 del Reg. EU 679/2016 (GDPR) e in adempimento degli obblighi previsti dall’Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonché a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questa informativa cookie riguarda esclusivamente questo Sito.

Ultima modifica: 04 giugno 2018

Visualizza la Privacy Policy